Autostima

Il secondo pilastro dell’autostima – Accettare se stessi

Pilastro Notre Dame de Paris

Abbiamo visto nel precedente articolo il primo pilastro dell’autostima: vivere consapevolmente.

Passiamo allora al secondo pilastro, che è l’accettazione di sè.

Branden ne dà subito una bella definizione: “il rifiuto di essere in rapporti di antagonismo con se stessi”. E qui si apre uno spazio per pensare a te stesso/a: quante volte sei nemico di te stesso? Quante volte ti critichi e ti demotivi da solo, e decidi di restare immobile piuttosto che seguire i tuoi obiettivi? Per dirla con una sola espressione, quante volte ti autosaboti? Non aver paura di rispondere in modo sincero a queste domande, tutti noi cadiamo molte volte in queste trappole mentali. E’ una cosa normale e più consapevolmente la ammetti con te stesso, più volte sarai capace di schivare queste trappole.

Accettare se stessi secondo Branden significa tendere “a valorizzarsi e assumersi degli impegni verso se stessi”. E significa soprattutto accettare “che pensiamo quello che pensiamo, sentiamo quello che sentiamo, (…) abbiamo fatto quel che abbiamo fatto”. Accettare i nostri pensieri e sentimenti non significa che, se pensiamo che il lavoro sia duro e ci sentiamo seccati all’idea di affrontarlo, decidiamo di restare a casa! Significa accettare il fatto che ci sentiamo seccati e che non abbiamo entusiasmo, non pretendere di sentirci in modo diverso, e poi andarci a lavoro – perché è un impegno che abbiamo con noi stessi e con la società. Mi sembra molto importante anche l’accettare quel che abbiamo fatto in passato. Quante persone si ritrovano a distanza di anni, a volte anche di decenni, a darsi addosso per un errore che ormai hanno commesso e a cui non possono rimediare in alcun modo? Alcuni genitori non riescono a perdonarsi un errore commesso con il figlio bambino o con la figlia adolescente. Alcune persone non riescono a perdonarsi di aver scelto un percorso di studi o un lavoro piuttosto che un altro, e continuano a rimuginare su questo aver perso l’occasione della loro vita. Ammesso che abbiano davvero commesso un errore o che abbiano davvero perso un’occasione – a volte è solo una loro interpretazione – rimuginarci ora non serve assolutamente a nulla, se non a sentirsi in colpa e stare male. Il passato è passato, ciò che è stato è stato. L’unica cosa razionale da fare è guardare la situazione presente e prendere ora le decisioni migliori, assumersi ora le proprie responsabilità. “Non posso imparare nulla da un errore che non accetto di aver commesso”: segnati a caratteri grandi questa frase e mettila in un luogo ben visibile della tua casa!

“Ma dottore, è difficile, lei non sa che errore ho commesso io!” – forse stai pensando ancora questo. Puoi fare allora un esercizio di accettazione. Pensa all’azione che hai fatto e che non ti perdoni. Ora prenditi un paio di minuti per pensare ai motivi che ti hanno spinto ad agire in quel modo. Pensa in che modo ti è sembrata buona o utile o piacevole per te. A questo punto, ripeti alcune volte mentalmente – o se preferisci a bassa voce o a voce alta: “Ho fatto questa azione (nomina l’azione che hai compiuto). Quando l’ho fatta, pensavo che fosse buona (o utile o piacevole) per queste ragioni (e le elenchi). Ha provocato queste conseguenze (e le elenchi). Ora riconosco che era un errore perché ( e dici almeno un motivo per cui ora agiresti diversamente). Ho sbagliato e me ne assumo le responsabilità, e io non sono il mio errore. Ho intenzione di volermi bene anche se ho commesso questo errore”. Prova a vedere che effetto ti fa e quante volte hai bisogno di ripetere l’esercizio per sentirti in pace con te stesso/a.

Pace con se stessi

Ecco, essere in pace con se stessi potrebbe essere il finale migliore per questo articolo.

Annunci

Un pensiero riguardo “Il secondo pilastro dell’autostima – Accettare se stessi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...