Autostima

Il terzo pilastro dell’Autostima – Assumersi le proprie responsabilità

Pilastri foto

Dopo aver visto il primo pilastro dell’autostima – vivere consapevolmente e il secondo – accettare se stessi, siamo arrivati al terzo: prendersi le proprie responsabilità. Forse ricordate che accettare se stessi implica accettare le proprie decisioni del passato e soprattutto i propri errori, il che è molto legato al concetto di responsabilità.

Il primo punto circa cui assumersi le proprie responsabilità è costituito dai nostri desideri: nessuno mi deve la realizzazione dei miei desideri nelle parole di Branden. Nel caso i tuoi desideri riguardino relazioni e richiedano anche la partecipazione di altre persone, sono necessarie due cose – fare quanto è nelle tue possibilità per favorire la disponibilità dell’altro e  rispettare poi la sua libertà, che potrebbe comunque negarti la sua collaborazione. Anche la richiesta più efficace può ricevere come risposta un no, in quanto è una richiesta e non un ordine. Consentitemi una piccola parentesi di Analisi Transazionale, la scuola psicologica che seguo maggiormente: il suo fondatore Berne sosteneva che chi attende una miracolosa mano esterna che realizzi i propri desideri è nel copione Aspettando Babbo Natale, che a quanto sappiamo non è ancora mai arrivato.

Abbiamo già accennato alla responsabilità verso le proprie decisioni e azioni, e una parte importante di questa responsabilità consiste nel lasciar andare quelle del passato. Esiste soltanto il momento attuale, il presente. Hic et nunc: qui e adesso. Sei responsabile anche del livello di consapevolezza che hai durante la giornata. Hai preso una decisione o compiuto un’azione in modo distratto? Ne sei comunque responsabile perchè sei stato tu a distrarti, e puoi usarla come utilissima lezione per divenire più consapevole e attento. In questo rientra anche la responsabilità circa il modo in cui si usa il proprio tempo. Spesso sentiamo dire o diciamo noi stessi che ‘il tempo vola’, e sicuramente la complessa vita moderna ci mette davanti ogni giorni molti piccoli obblighi, ma in diverse occasioni siamo anche noi a lasciare che il tempo voli appiattendoci su alcune attività e dimenticandoci di altre. Occorre fare attenzione in quanto il tempo è l’unica risorsa che non si può ricomprare.

Desidero chiudere con la responsabilità verso il proprio comportamento nei confronti degli altri. Se ascoltate con attenzione il linguaggio quotidiano, specialmente quando nasce un litigio, noterete numerose frasi del tipo “Mi hai fatto arrabbiare”, “Mi sono preoccupata per colpa tua”, “Sei tu ad avermi fatto sbagliare”. Ci avete fatto caso? In ciascuna di queste frasi, è l’altro il responsabile del mio comportamento – non io. L’altra persona può sicuramente invogliarmi ad un comportamento, per esempio se mi provoca la tentazione di rispondergli in malo modo è forte, e tuttavia io resto libero di scegliere come rispondere al suo comportamento. Un’ulteriore osservazione: se fosse il comportamento dell’altro a determinare il mio comportamento, tutti diventerebbero responsabili del comportamento di tutti, e quindi alla fine nessuno sarebbe più responsabile di quello che fa. I concetti di libertà e di responsabilità si dissolverebbero nel nulla.

Comunicazione bambini.jpg

Visto che abbiamo visto quanto il linguaggio comune possa deresponsabilizzarci, l’esercizio che voglio proporvi oggi riguarda proprio le parole che scegliete. Provate a scrivere su un foglio di carta tre frasi tipiche con cui date agli altri la responsabilità per un vostro comportamento, poi tracciateci una linea sopra e riscrivetele nella forma “Io sono responsabile di quando (nome del comportamento)”. Se lasciate il foglietto in un luogo visibile della casa, potrete ricordarvi di controllare ogni tanto quanto state riuscendo a responsabilizzare voi stessi.

Ah, dimenticavo: secondo Branden siete responsabili anche della vostra autostima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...