Relazioni di coppia

Un incontro (im)possibile: gli uomini sono elastici

“Gli uomini sono come elastici”. Un elastico non è esattamente il primo termine di paragone che ci verrebbe riguardo ad un uomo, non è vero? Consideriamo però il modo in cui l’uomo tende a vivere l’intimità: “un ciclo che comprende manovre di avvicinamento, di allontanamento e ancora di avvicinamento”. Anche quando è innamorato infatti “un uomo sente periodicamente il bisogno di allontanarsi prima di riavvicinarsi. Un bisogno, questo, che gli uomini avvertono d’istinto. (…) Non è colpa né di lui né di lei. E’ un fatto naturale”.

uomo-affari-gioco-culla-gatto-con-archivio-fotografico__x30273900

Se chiamo in aiuto la mia memoria, memoria di amico prima che memoria di psicologo, ricordo di essermi sentito dire molte volte “come è possibile che X abbia fatto un gesto così romantico verso di me e poi all’uscita successiva sia stato così freddo? Sembrava un’altra persona”. Pensare all’intimità dell’uomo come a un elastico spiegherebbe differenze di comportamento come questa. E toglierebbe dal tavolo delle possibilità due carte molto negative: una, che lui sia una persona cinica, un doppiogiochista; l’altra, che lei abbia fatto qualcosa di sbagliato, lui abbia reagito di conseguenza e che ora lei debba dunque scoprire qual è la sua ‘colpa originaria’ e rimediare ad essa. Come abbiamo letto prima, “non è colpa né di lui né di lei. E’ un fatto naturale”. Questo ovviamente non significa che ogni situazione in cui l’uomo prima si mostra premuroso e poi distante si spieghi in questo modo: esistono situazioni in cui effettivamente un uomo sta tenendo il piede in due scarpe oppure in cui a un interesse iniziale subentra una perdita di interesse. Quindi non ogni situazione di coppia rientrerebbe in questa linea di interpretazione, ma molte situazioni di coppia sì.

Secondo John Gray, “gli uomini cominciano a provare un bisogno di autonomia e indipendenza quando hanno soddisfatto le loro esigenze di intimità”. Il fatto quindi che l’uomo senta il bisogno di tempo per sé non è un cattivo segno, come molte compagne pensano (“cosa starà pensando? Cosa avrò fatto di sbagliato per allontanarlo?”), ma è anzi spesso un segno positivo: significa che l’intimità con la compagna è buona e che sente ora di potersi dedicare un po’ a se stesso. Dopo aver dedicato del tempo a se stesso, sarà nuovamente pronto ad avvicinarsi alla sua donna e ad entrare in contatto emotivo con lei.

Potremmo osservare che ci sono uomini che apparentemente fanno ogni cosa con la propria compagna. Sono dei ‘non elastici’? Secondo Gray, anche in loro l’intimità funziona come un elastico, tuttavia non si danno il permesso di viverla in questo modo. Magari quando erano bambini la loro madre non tollerava che si allontanassero da lei, che volessero giocare da soli. Magari la loro madre si lamentava spesso davanti a loro del padre, dicendo che non c’era mai o che stava sempre per conto suo davanti alla televisione, o effettivamente il loro padre era andato via di casa: si è creata così in loro l’idea che prendersi del tempo per sé, del tempo di solitudine, sia una forma di egoismo. Un modo di tradire la propria donna. E così non si concedono di viverlo neanche ora che sono adulti. Questo ha delle conseguenze? Secondo Gray sì. Riferisce che spesso questi uomini premurosi coltivano dentro un certo risentimento verso la compagna, risentimento ovviamente non volontario e di cui non sono consapevoli, in quanto vorrebbero dello spazio per se stessi (poter fare da elastici) ma sentono di non poterselo prendere per non ferire lei. Anche in questo caso, è fondamentale che comprendano prima di tutto che si tratta di un bisogno naturale e che non implica in alcun modo né che loro siano egoisti né che loro compagne abbiamo commesso qualcosa di sbagliato nei loro confronti, e tantomeno che la loro relazione di coppia sia in crisi. E’ possibile soddisfare il bisogno di uno spazio per sé solo dopo essersi convinti che, come ogni bisogno, non è moralmente né buono né cattivo: è semplicemente un bisogno.

a-corcos-copertina-620x330

Qual è il suggerimento di oggi? Ricordarsi che gli uomini nel vivere emozioni e intimità sono elastici: prima si avvicinano, poi hanno bisogno di un tempo per allontanarsi, poi si riavvicineranno nuovamente e il ciclo naturale continuerà. Per le mie lettrici: quando il vostro compagno si comporta così, probabilmente si sente sicuro della relazione con voi e sente perciò di poter dedicare del tempo anche a sé (e anche a voi potrebbe far bene dedicare del tempo a voi stesse e al vostro benessere, la vita quotidiana è già piena di impegni!). Per i miei lettori: quando sentite il bisogno di tempo per voi stessi, ditelo in modo esplicito alla vostra compagna, e soprattutto spiegatele che non avete alcun problema con lei, è semplicemente una vostra esigenza. Da uomini voi funzionate così. Come degli elastici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...