Psicologia in Musica

Uomini soli?

Spesso mentre ascolto una canzone mi vengono le riflessioni migliori.

L’ultima volta in cui ho fatto questa esperienza è…oggi, ascoltando questa canzone evergreen dei Pooh.

 

Uomini e solitudine, dunque. E non solitudine intesa come assenza di amici o di persone intorno, ma solitudine come mancanza della relazione con una donna. Non avere una relazione d’amore.

Li incontri dove la gente / viaggia e va a telefonare/ col dopobarba che sa di pioggia/ e la ventiquattro ore/ perduti nel Corriere della Sera – L’incipit della canzone comunica subito l’immagine di uomini che si immergono nel lavoro (la ventiquattro ore) e nella dimensione intellettuale (il Corriere della Sera), e possiamo immaginare che questa immersione gli serva a non pensare alle delusioni sentimentali.

Ma perchè sono uomini soli? Comincia l’elenco delle ragioni. Un uomo può essere solo per delle sofferenze e dei blocchi psicologici (perché ha in testa strani tarli, perché ha paura del sesso, perché la vita l’ha già messo al muro), oppure perchè ha scelto di focalizzarsi sulla sua realizzazione personale a scapito del resto (per la smania di successo, per scrivere il romanzo che ha di dentro, per la sete di avventura).

E infine…ci sono uomini soli per il modo in cui hanno vissuto le proprie esperienze con le donne. A me colpisce molto questo verso per madri che non li hanno mai svezzati. Impossibile esprimersi in modo più completo e sintetico: è come una poesia di Ungaretti. In un singolo verso viene detta una grande verità, ossia che vi sono uomini incapaci di sostenere una relazione d’amore con una donna perchè sarebbe per loro un separarsi dalla madre, un tradirla. La madre non li ha svezzati quando erano adolescenti e dovevano partire verso il mondo per divenire adulti – e loro da adulti hanno preferito rimanere come dei bambini all’ombra sicura della gonna della madre. La madre non li ha preparati alla vita, ma loro poi hanno scelto di rimanere nella sicurezza e nella comodità piuttosto che rischiare, soffrire e…crescere, così da poter anche amare.

Ma non ci sono solo uomini soli per come hanno vissuto la relazione con la madre. Ci sono anche uomini soli per donne che li han rivoltati e persi. Rivoltati e persi: ancora una volta, con due parole scelte con precisione chirurgica viene detto tutto. Uomini che hanno accettato e fatto di tutto per compiacere la propria compagna fino a perdere la propria identità, ritrovarsi letteralmente rivoltati, girati al contrario. E persi: nella relazione c’è stata solo la compagna. Un’idea dell’amore come annullamento di sè. Ma un tu senza un io non fa un noi: rimane un tu. Anche in questo caso, non è solo la donna ad avere responsabilità; anche questi uomini soli sono responsabili per essersi lasciati rivoltare e perdere. Altri uomini, visto com’era l’andazzo con questa compagna, se ne sarebbero andati alle prime avvisaglie. Altri ancora non avrebbero neanche preso in considerazione l’idea di mettersi assieme ad una donna così manipolatrice.

Gli uomini soli sono uomini che, in un modo o in un altro, consciamente o inconsciamente, hanno deciso di essere soli. Uomini che si sono fatti soli. Tuttavia il ritornello della canzone non chiude la porta della speranza. Prima un appello al Dio delle città e dell’immensità in cui si mescolano la fede e il dubbio (se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi); poi i toccanti propositi di accettare se stessi (farci amare come siamo senza violentarsi più con nevrosi e gelosie) e di trovare un punto d’incontro con le donne (vediamo se si può imparare queste donne e cambiare un po’ per loro e cambiarle un po’ per noi).

Uomini soli…per ora.

 

 

 

 

 

2 pensieri riguardo “Uomini soli?”

  1. Trovo che il testo di questa canzone sia di una veridicità straordinaria e di una ricchezza di contenuti senza paragoni.Gli uomini sono creature a dir poco complesse,ed il loro modo di rapportarsi all’amore ha molto a che fare con quello che è stato il loro vissuto precedente,con la loro serenità di bambini,prima,e di adolescenti poi.Ci sono uomini che in amore hanno dato tutto alla persona rivelatasi poi sbagliata e che,per questo,non sono più in grado di riconoscere la persona giusta,convincendosi del fatto che sia sbagliata per paura di amare e di soffrire ancora.Si tratta di soggetti molto sensibili e delicati,talvolta destabilizzati e poco avvezzi alla vita ed ai suoi tormenti,che si chiudono totalmente al nuovo per paura di rivivere il vecchio,preferendo la certezza di una sofferenza cui sono ormai abituati, alla possibilità di una felicità che comunque va inseguita e goduta.Quanto al rapporto con le madri,andrebbe aperto un capitolo a parte…Esistono donne che hanno cresciuto i propri figli credendo di proteggerli,quando invece li hanno soltanto rovinati con le proprie ansie e riversando su questi ultimi frustrazioni personali ed aspirazioni mai realizzate.Una madre dovrebbe imparare ben presto a capire che i figli non sono loro appendici,pur venendo dalla parte più profonda di loro stesse…Insomma per poter essere veramente libero di amare,un uomo dev’essere innanzitutto integro a livello personale,avere un rapporto sano con la madre e con le ragazze che incontra.Essere in grado di capire che se una relazione è finita male,altre possono arrivare per arricchire la sua vita,senza per questo depauperare le sue energie ne’ creargli inutili sofferenze

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...